Vermentino di Gallura DOCG

Vino Denominazione Origine Controllata e Garantita– D.O.C.G. Logo Vini a Denominazione di Origine Controllata e Garantita (DOCG)

ELENCO PRODUTTORI

Zona di produzione (Articolo 3): Le uve destinate alla produzione dei vini a DOCG «Vermentino di Gallura» devono provenire dal territorio geograficamente definito «Gallura».
Detta zona di produzione comprende l’intero territorio dei comuni di Aggius, Aglientu, Arzachena, Badesi, Berchidda, Bortigiadas, Budoni, Calangianus, Golfo Aranci, Loiri Porto San Paolo, Luogosanto, Luras, Monti, Olbia, Oschiri, Palau, S. Antonio di Gallura, S. Teodoro, S. Teresa di Gallura, Telti, Tempio Pausania, Trinità d’Agultu, in Provincia di Olbia-Tempio, e Viddalba in Provincia di Sassari.

  Fai una domanda

Denominazione e vini (Articolo 1): La DOCG «Vermentino di Gallura» è riservata ai seguenti vini che rispondono alle condizioni e ai requisiti stabiliti nel presente disciplinare di produzione:
«Vermentino di Gallura» Superiore;
«Vermentino di Gallura» Frizzante;
«Vermentino di Gallura» Spumante;
«Vermentino di Gallura» Passito;
«Vermentino di Gallura» Vendemmia tardiva.

Base ampelografica (Articolo 2) I vini a DOCG «Vermentino di Gallura» devono essere ottenuti da uve provenienti da vigneti aventi, nell’ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica: Vermentino, minimo 95%.
Possono concorrere alla produzione di detti vini altri vitigni a bacca bianca, non aromatici, idonei alla coltivazione nella Regione Sardegna, iscritti nel registro nazionale delle varietà di vite per uve da vino approvato con D.M. 7 maggio 2004 e successivi aggiornamenti, presenti nei vigneti fino ad un massimo del 5%.

Caratteristiche al consumo (Articolo 6): I vini a DOCG «Vermentino di Gallura» di cui all’ art. 1, all’atto dell’immissione al consumo devono rispondere alle seguenti caratteristiche:

«Vermentino di Gallura»:
– colore: giallo paglierino con leggeri riflessi verdognoli;
– odore: intenso, gradevole;
– sapore: dal secco all’amabile, talvolta con retrogusto lievemente amarognolo. Nei prodotti affinati in legno il sapore può essere più intenso e persistente, anche con leggere note di vaniglia;
– titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12%;
– acidità totale minima: 4,5 g/l;
– estratto non riduttore minimo: 16 g/l.

«Vermentino di Gallura» Superiore:
– colore: giallo paglierino con leggeri riflessi verdognoli;
– odore: intenso, gradevole;
– sapore: dal secco all’amabile, talvolta con retrogusto lievemente amarognolo. Nei prodotti affinati in legno il sapore può essere più intenso e persistente, anche con leggere note di vaniglia;
– titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13%;
– acidità totale minima: 4,5 g/l;
– estratto non riduttore minimo: 16 g/l.

«Vermentino di Gallura» vendemmia tardiva:
– colore: giallo paglierino con leggeri riflessi verdognoli;
– odore: intenso, gradevole;
– sapore: dal secco all’amabile, talvolta con retrogusto lievemente amarognolo. Nei prodotti affinati in legno il sapore può essere più intenso e persistente, anche con leggere note di vaniglia;
– titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13%;
– acidità totale minima: 4 g/l;
– estratto non riduttore minimo: 16 g/l.

«Vermentino di Gallura» frizzante:
– spuma: vivace ed evanescente;
– colore: giallo paglierino;
– odore: gradevole e caratteristico di fruttato;
– sapore: dal secco all’amabile, frizzante;
– titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5%;
– acidità totale minima: 4,5 g/l;
– estratto non riduttore minimo: 14 g/l.

«Vermentino di Gallura» spumante:
– spuma: fine e persistente;
– colore: giallo paglierino;
– odore: gradevole e caratteristico di fruttato, eventuale sentore di lievito nel metodo classico;
– sapore: dal secco al dolce, fruttato, gradevolmente aromatico;
– titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5%;
– acidità totale minima: 4,5 g/l;
– estratto non riduttore minimo: 14 g/l.

«Vermentino di Gallura» passito:
– colore: giallo dorato più o meno intenso;
– odore: intenso, etereo, di frutta matura;
– sapore: pieno, sapido, gradevolmente aromatico;
– titolo alcolometrico volumico totale minimo: 15%, di cui effettivo svolto: minimo 14%;
– acidità totale minima: 4 g/l;
– estratto non riduttore minimo: 24 g/l.

E’ facoltà del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali – Comitato Nazionale per la Tutela e la Valorizzazione dei vini a denominazione d’origine controllata e delle indicazioni geografiche tipiche – di modificare con proprio decreto, i limiti minimi indicati per l’acidità totale e l’estratto non riduttore minimo.

Regione

Sezione

Tipologia di prodotto

[contact-form-7 404 "Non trovato"]
Non ci sono più offerte per questo prodotto!

Domande di carattere generale

Non ci sono ancora richieste.