Scheda ministeriale prodotto:

Suinetto sardo da latte

Prodotto Agroalimentare Tradizionale Italiano – P.A.T. 

Zona di produzione: Tutto il territorio della Regione Sardegna

Sei un appassionato di enogastronomia?
Scopri i prodotti disponibili su TOP FOOD ITALY®

DESCRIZIONE SINTETICA DEL PRODOTTO
Il suino sardo da latte è caratterizzato da carni sode, compatte, sapide, con buona colorazione del muscolo, grasso di copertura consistente di colore bianco o rosato e leggera marezzatura; sono escluse le carni pallide, flaccide, essudative e con grasso di copertura inconsistente, ossidato, untuoso e con colorazione anormale.
Il suinetto da latte alla data della macellazione evidenzia un’età compresa fra i 30 e i 45 giorni. Il peso della carcassa, comprese le coratelle, non dovrà essere inferiore a Kg 5 e non dovrà superare i kg 9.

DESCRIZIONE DELLE METODICHE DI LAVORAZIONE, CONSERVAZIONE E STAGIONATURA
Il suinetto sardo da latte deve essere allevato con alimentazione pressoché esclusiva, costituita dal latte materno, con una integrazione in ragione del 15% massimo sulla intera razione alimentare di prodotti naturali di origine biologica, es. farina di granaglie, erbe, bacche, ecc.; è importante che dopo la prima settimana di vita possa muoversi liberamente all’interno di recinti controllati e di adeguata ampiezza.

MATERIALI, ATTREZZATURE SPECIFICHE UTILIZZATI PER LA PREPARAZIONE E IL CONDIZIONAMENTO
Non si registrano al momento materiali o attrezzature specifiche utilizzabili per la preparazione ed il condizionamento.

DESCRIZIONE DEI LOCALI DI LAVORAZIONE, CONSERVAZIONE E STAGIONATURA
Devono essere conformi e rispondenti alle vigenti disposizioni di legge in materia di macellazione e conservazione delle carni macellate.

ELEMENTI CHE COMPROVANO CHE LE METODICHE SONO STATE PRATICATE IN MANIERA OMOGENEA E SECONDO
REGOLE TRADIZIONALI PER UN PERIODO NON INFERIORE AI 25 ANNI
Il dato storico di maggiore attendibilità riguardante le metodiche di preparazione ed utilizzo del suinetto sardo da latte sono riscontrabili nel testo “I costumi dell’Isola di Sardegna comparati con gli antichissimi popoli orientali”, di Antonio Bresciani, Edizioni di Napoli, 1850, pag. 94.

COSTANZA DEL METODO DI PRODUZIONE OLTRE 25 ANNI  SI
La tradizione sarda, in fatto di arrosti, trova la sua migliore espressione proprio nel porchetto sardo. Sarebbe ampiamente sufficiente a riguardo consultare i testi riguardanti la gastronomia sarda editi in tale lasso di tempo per ritrovare puntualmente la precisa e puntuale descrizione delle metodiche di preparazione di questa specialità che non trova similari in tutto il territorio nazionale e comunitario. Altrettanto probante sarebbe la disamina storica fino a 25 anni or sono dei menù in uso nei più celebrati ristoranti dell’Isola ove fra gli arrosti spicca sempre il porcetto sardo da latte.

Regione

Sezione

Tipologia di prodotto

Carrello
Translate »
X