Scheda ministeriale prodotto:

Pane integrale molisano

Prodotto Agroalimentare Tradizionale Italiano – P.A.T.  

ELENCO PRODUTTORI

Zona di produzione: tutto il territorio regionale ma particolarmente rinomato è quello dell’area “Fortore Molisano”.

Sei un appassionato di enogastronomia?
Scopri i prodotti disponibili su TopFoodItaly!

Sei un operatore business o del canale HORECA?
Scrivici compilando questo form per avere informazioni dettagliate e una quotazione personalizzata.

Metodiche di lavorazione: Le materie prime sono: farina con crusca (integrale), sale, acqua, lievito di birra e lievito naturale. Si utilizza la lievitazione indiretta. Prima si impastano gli ingredienti cercando di aggiungere gradualmente l’acqua fino ad ottenere un impasto elastico che si fa lievitare per circa due ore. Trascorso tale periodo la pasta viene tagliata in modo da ottenere una massa di oltre 1 kg. Questa la si pone in ceste nel cui fondo è stato posto un grosso pezzo di stoffa (cotone) che serve a coprire la pasta. Si lascia lievitare per altre due ore circa. Passato tale tempo si riscoprono le ceste e si inforna con la pala e lo si lascia cuocere per circa un ora.

Materiali e attrezzature per la preparazione: Forno, coltelli, pala per infornare, ceste, madia, impastatrice.

Elementi che comprovano la tradizionalità: Il prodotto ha una antica tradizione culinaria, infatti nei tempi remoti una volta effettuata la raccolta del grano, questo veniva porta al mulino e macinato senza effettuare la separazione della crusca in quanto mancavano le attrezzature necessarie. Oggi il prodotto viene indicato per le cure dietetiche e entra nella dieta del consumatore perché è un prodotto ricco di fibra che favorisce la motilità intestinale.

Referenze bibliografiche
• Il Molise fascista la festa del pane”il pane nostro” pag 6,13,14;
• Povere Sciare di Michele Cima Riccia (CB).

Poesia
Povere Sciare
O chiante de trefòglie, sempe nate
pe fernì scène nde na magnatòre
mò pure ‘a sòrta tìe z’è cagnate
tu ristesenza frunne e senza sciòre!

Né ghiè pe furnemènte ch’iè m’ì coglie
ma, nda pippa fumà’ sicche m’i vòglie.
Né so sul’ie che te coglie e sècche
‘nfacce a ‘stu sòle che mò squaglie i prète,
povere sciore de trefòglie! Dècche
‘a fronne pe fumà nenze ne vète,
pe queèsse, sciare mèie, che tutt’u cippe
tu a’ fernì nda chì sa quanta pippe.
Che ce vù fa’! peh stème addò’ ze fanne
pe terà ‘nnante ‘a verre tanta ‘mbroglie,
c’à carte e nò c’à lane ze fa u panne,
na polvarèlle te rimpiazze l’oglie,
‘a farine ‘n’zà use cchiù de ‘rane
pare c’ carevòne fatte u pane!

Regione

Sezione

Tipologia di prodotto

Carrello
Translate »