Grana Padano

 

Prodotto Italiano a Denominazione di Origine Protetta – D.O.P. 

ELENCO PRODUTTORI

Zona di produzione: Comprende il territorio di Piemonte, Lombardia (Mantova a sinistra del fiume Po) e Veneto (ad eccezione della provincia Belluno), le province di Trento, Bologna a destra del fiume Reno, Ferrara, Forlì-Cesena, Piacenza, Ravenna e Rimini.

Descrizione

Formaggio di latte di vacca, semigrasso, a pasta cotta, a lenta maturazione

Di forma cilindrica a scalzo leggermente convesso o quasi diritto con facce piane leggermente orlate, usato da tavola o da grattugia. La pasta è finemente granulosa, di colore bianco o paglierino. Se tagliato, si divide a scaglie. L’aroma è fragrante e il sapore delicato. Il latte, lasciato riposare e parzialmente decremato per affioramento, viene coagulato con aggiunta di caglio di vitello; la cagliata viene quindi rotta in granuli fini e cotta fino a quando i granuli diventano elastici. Segue poi l’immissione in stampi per almeno 48 ore e quindi la salamoia. La fase di maturazione naturale in ambienti idonei deve protrarsi per almeno 9 mesi. Il prodotto, in forme di peso da 24 a 40 chilogrammi, è individuato da appositi contrassegni posti sullo scalzo e, per essere considerato conforme al disciplinare di produzione, deve presentare il marchio a fuoco, apposto a conclusione della stagionatura dopo la cosiddetta “espertizzazione”.

Storia: Le origini del Grana Padano Dop risalgono all’anno Mille, quando si inizia a parlare di un formaggio a pasta dura, il caseus vetus, poi denominato grana. Alla fine dell’XI secolo il prodotto era già una realtà affermata, con una vera e propria rete commerciale. Nel XIX secolo, con la costituzione del caseificio come entità autonoma, si ha il “salto di qualità” del processo produttivo, che da allora prosegue nel rispetto della tradizione.

Uso in cucina: Il Grana Padano Dop si conserva nel vano meno freddo del frigorifero, avvolto in un telo umido o in una pellicola trasparente, possibilmente non a contatto con altri formaggi. Viene utilizzato come formaggio da tavola o come ingrediente – a seconda del diverso grado di stagionatura – nella preparazione di piatti della tradizione gastronomica italiana. Grattugiato su primi piatti, risotti e verdure gratinate, a scaglie sui piatti freddi, a cubetti come antipasto o nelle insalate miste.

Curiosità: In 30 g di Grana Padano Dop, che corrispondono a una scaglia, sono concentrate le sostanze nutritive di mezzo litro di latte.

Informazioni aggiuntive

Regione

, , , ,

Sezione

Tipologia di prodotto