Carciofi sott'olio dell'antica varietà autoctona di Salsomaggiore Terme De.Co.

Prodotto a Denominazione Comunale di Salsomaggiore Terme

Zona di produzione: Salsomaggiore, valle del torrente Stirone.

Definizione de prodotto: I carciofi appartengono all’antica varietà autoctona di Salsomaggiore, coltivati in abbondanza fino alla fine del 1800, nel 1861 sono prodotti novantamila “capolini”.

Descrizione del prodotto: Il carciofo autoctono sopporta temperature molto basse, non soffre la neve, produce una sola volta l’anno e  non è soggetto a particolari patologie vegetali. Produzione agricola stagionale a Km Zero.

La coltivazione: La coltivazione dell’antica varietà di carciofo è presente a Salsomaggiore, già ad inizio dell’Ottocento, come segnalato da Lorenzo Molossi nel suo “Vocabolario topografico dei Ducati di Parma Piacenza e Guastalla” (1832-1834) e da David Rabbeno nel suo scritto di “Statistica comunicativa del Comune parmense di Salsomaggiore” (1861). Ai tempi di Maria Luigia e del Ducato, come riportato nella cronaca del tempo, il carciofo era abbondantemente coltivato e venduto nei territori limitrofi.

Ricetta Carciofi sott’olio – Famiglia Moschini Sghiavetta: Preparazione: Pulire i carciofi togliendo le foglie dure e tagliarli a spicchi o in quattro parti. Mettere sul fuoco dell’aceto bianco aggiungendo per ogni litro 300 cc di acqua e un cucchiaio di sale. Mettere i carciofi a cuocere per 5 minuti, scolarli e farli raffreddare. Invasare e colmare il vasetto con olio di oliva Sterilizzare i vasetti per 20/30 minuti. L’olio di oliva, proviene da piante di olivo di varietà autoctona antiche del Ducato coltivate in azienda.

Fonte: Comune di Salsomaggiore Terme

Regione

Sezione

Tipologia di prodotto

Comune De.Co.

Salsomaggiore Terme (PR)

Non ci sono più offerte per questo prodotto!

Domande di carattere generale

Non ci sono ancora richieste.

Translate »