Cappone di Monasterolo di Savigliano

Prodotto Agroalimentare Tradizionale Italiano – P.A.T. 

ELENCO PRODUTTORI

Zona di produzione: Monasterolo di Savigliano e zone limitrofe in provincia di Cuneo.

Sei un operatore business o del canale HORECA?
Scrivici compilando questo form per avere informazioni dettagliate e una quotazione personalizzat

E’ un pollo maschio castrato. La razza non è ben definita a causa della numerosità razze presenti localmente quali la “nostrana”, la “Livornese”, la “Bionda” e la “Bianca”.

Metodo di preparazione: La castrazione dei polli può avvenire in due modalità differenti :
a) raggiunti i tre mesi di vita, verso luglio e agosto, i pollastrini vengono privati della cresta e dei bargigli ed avviene l’estrazione dei testicoli, già scesi nella posizione definitiva. Si effettua un taglio sotto la zona anale con un “Vernantin” (coltello a serramanico molto affilato) o un paio di forbici, per poi estrarre manualmente i testicoli chiamati anche “ovetti”. Durante l’intervento può essere utilizzato alcool e strutto o olio d’oliva per ammorbidire e ingrassare la successiva cucitura;
b) dopo aver allungato il pollo sollevando l’ala destra, si incide con un bisturi orizzontalmente tra l’ala ed il petto e, con l’ausilio di pinzette, si estraggono i testicoli. Questo intervento avviene su animali di 60-80 giorni con i testicoli non ancora discesi completamente. La mortalità è più contenuta e non necessitano suture.
La macellazione dei capi avviene a circa 7 mesi, una volta raggiunto un peso di 2 kg ed oltre, in prossimità delle festività natalizie, quando per tradizione è più diffuso il consumo del Cappone.
Il sistema di allevamento è estensivo, a terra, con un’alimentazione basata sull’impiego di cereali.

Storia: La produzione del Cappone ha origini antichissime e la tecnica di allevamento era già nota e diffusa in epoca romana.
In varie zone del Piemonte, esiste una tradizione consolidata nell’allevamento del Cappone che spesso è connotato con il luogo di produzione: da qui le denominazioni Cappone di Monasterolo, di Morozzo, ecc.
Particolare storicamente curioso è la cucitura di una piuma al posto della cresta tagliata.

Curiosità: La carne del Cappone si presenta, rispetto a quella del pollo, più grassa e di colore più intenso, soda, tenera e spiccatamente sapida. Rappresenta un componente essenziale del tradizionale bollito alla piemontese.

Fonte: http://www.piemonteagri.it/qualita/it/

Regione

Sezione

Tipologia di prodotto

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Non ci sono più offerte per questo prodotto!

Domande di carattere generale

Non ci sono ancora richieste.

Translate »