Scheda ministeriale prodotto:

Basilico gigante - Basilico a foglia di lattuga

Prodotto Agroalimentare Tradizionale Italiano – P.A.T. 

ELENCO PRODUTTORI

Zona di produzione: Valdarno aretino e fiorentino, province di Arezzo e Firenze.

Sei un appassionato di enogastronomia?
Scopri i prodotti disponibili su TopFoodItaly!

Sei un operatore business o del canale HORECA?
Scrivici compilando questo form per avere informazioni dettagliate e una quotazione personalizzata.

Descrizione sintetica del prodotto:
Pianta con foglie lucide, di colore verde smeraldo chiaro, larghe a forma di lattuga. Ha odore intenso.

Descrizione dei processi di lavorazione:
Si adatta a vari tipi di terreno. Si semina in cassetta a fine febbraio e dopo circa 20 giorni si ripicchetta per essere trapiantato a dimora a fine aprile, ad una distanza di 40x60cm. Richiede abbondante irrigazione. A differenza del basilico di tipo genovese, la concimazione organica deve essere ricca di azoto per favorire una maggiore espansione fogliare, che in caso contrario avviene solo nei primi palchi. Per avere buone piante conviene iniziare la raccolta quando si sono ben formati i primi 3-4 palchi, in questo modo la pianta ributta e si formano branche secondarie. In campo può restare fino ai primi geli. La produttività è elevata.

Osservazioni sulla tradizionalità, la omogeneità della diffusione e la protrazione nel tempo delle regole produttive:
Questa varietà di basilico è interessante per le caratteristiche organolettiche, in particolare per l’aroma intenso, con sfumature che ricordano la menta. Viene usato tradizionalmente per piatti locali. La foglia viene usata nella panzanella, dopo averla spezzettata e non tritata come si fa con il genovese.Questa varietà viene anche utilizzata in salse come il pesto e per altri usi.Per la raccolta del seme vengono lasciate le piante più belle e con foglia più larga e meglio conformata. La produzione e quindi la maturazione del seme non avvengono contemporaneamente, pertanto la raccolta inizia dai primi palchi.Di solito viene preferito questo seme anche per mantenere la caratteristica della foglia più grande che viene prodotta nei primi palchi.Dopo la raccolta, il seme viene lasciato asciugare in ambiente aerato e conservato in contenitori di vetro.

Produzione:
In provincia di Firenze sono svariate le aziende agricole che producono questo basilico con finalità commerciali, senza contare la produzione a livello hobbistico. Si può stimare annualmente la vendita di circa 5000-6000 piantine. Buona parte di questo quantitativo viene commercializzata in zona, presso i mercati ortofrutticoli.Nella provincia di Arezzo (Pratomagno, Valdarno e Casentino) ci sono circa 30 aziende, in gran parte hobbisti, che ne producono una quindicina di quintali all’anno.

Fonte: http://prodtrad.regione.toscana.it

Regione

Sezione

Tipologia di prodotto

Carrello
Translate »