Anguilla in umido

 

Prodotto agroalimentare tradizionale Italiano – P.A.T. 

ELENCO PRODUTTORI

Zona di produzione: Tutta la provincia di Piacenza, ma soprattutto nelle zona rivierasca lungo il Po.

Descrizione

Materia prima (caratteristiche del prodotto): Anguilla, burro, olio, cipolla, pepe, noce moscata, farina, sedano, aglio, prezzemolo, alloro, salvia, poco pomodoro, un bicchiere di vino bianco secco

Tecniche di produzione (metodiche di lavorazione, conservazione, stagionatura, ecc: Si pulisce l’anguilla strofinandola energicamente con cenere di legna, quindi si apre, si toglie la testa e le interiora, si lava in acqua corrente e si taglia a tronchetti di 6- 7 centimetri, si scola e asciuga con uno straccetto.

Si prepara il soffritto con poco burro, olio, cipolla tritata, pepe e noce moscata in cui si metteranno i tronchetti di anguilla infarinata; quando prenderanno colore si unisce un trito di sedano, aglio, prezzemolo, una foglia di salvia e una di alloro. In seguito si aggiunge poco pomodoro e un bicchiere di vini bianco secco. Quando l’intingolo è ridotto si lascia cuocere a fuoco lento coprendo il tegame.

Materiali e attrezzature specifiche utilizzati per la preparazione, il condizionamento o l’imballaggio dei prodotti: E’ sufficiente disporre di una normale attrezzatura da cucina

Descrizione dei locali di lavorazione, conservazione e stagionatura: Cucine di Gastronomie, Ristoranti e agriturismi.

Storia accertata:

E’ una ricetta di antica origine molto diffusa sul territorio viene eseguita soprattutto nei giorni di magro.

Referenze bibliografiche:

V. Buonassisi. “Breviario della cucina piacentina” Mottagrill Somaglia Lodi 1969. Formato tascabile 19×7. pag 5

Artocchini C. 400 ricette della cucina piacentina, editore Gino Molinari  Piacenza 1977, pag. 69

Anna Godetti della Salda. Le ricette regionali italiane. Quinta edizione. La cucina italiana.

Informazioni aggiuntive

Regione

Sezione

Tipologia di prodotto