Aglio rosso di Proceno

 

Prodotto Agroalimentare Tradizionale Italiano – P.A.T.  

ELENCO PRODUTTORI

Zona di produzione: Acquapendente (VT), Proceno (VT)

Descrizione

Tipologia produzione: Attiva
Periodo di produzione: Semina: dicembre-febbraio. Raccolta: giugno e luglio
Mercato di riferimento: Locale
Descrizione del prodotto: L’aglio rosso di Proceno (Allium sativus L.), è una coltura la cui popolazione coltivata nel territorio di Proceno è riconducibile a diversi cloni di Allium sativus L. ottenuti mediante selezione da parte degli agricoltori locali. Bulbo di medie dimensioni con bulbilli corti e tozzi e tunica dal caratteristico colore rosso. Sapore forte e piccante, profumo intenso e persistente. Destinato al consumo fresco. L’Aglio rosso a una pianta bulbosa con circa 40 radici cordiformi, superficiali il cui maggior volume si trova tra i primi 20-25 cm di terreno. Le foglie basali sono amplessicauli, non hanno funzione di riserva e la più esterna ricopre, per una decina di centimetri circa, le altre più interne per una lunghezza sempre maggiore.
Elementi di tradizionalita’ del processo produttivo: Seme riprodotto in azienda costituito da bulbi separati dal cespo. Importante è la selezione effettuata dagli agricoltori locali che con gli anni hanno riscontrato una maggiore conservabilità dei bulbi più piccoli rispetto a quelli di calibro maggiore, così da preferirli di anno in anno e ottenere una popolazione piuttosto omogenea.
Materiali utilizzati nella tradizione locale: Macchinari per la lavorazione del terreno.
Locali utilizzati nella tradizione locale: Capannoni
Storia tradizionale del Prodotto: Gli Etruschi, antichi abitatori di Proceno, coltivavano l’aglio e ne facevano un uso abbondante tanto da preferirli alle cipolle, grazie alle caratteristiche igieniche, curative, afrodisiache e stimolanti che già all’epoca gli si attribuivano. Nelle zone particolarmente ombrose e collinari l’aglio cresceva spontaneo e gli Etruschi impararono a concimarlo con la cenere. Nel Due e Trecento ritroviamo l’aglio tra gli ortaggi più diffusi, presenti negli orti della provincia di Viterbo, in quanto usato, oltre che nell’alimentazione, nella farmacopea, per le virtù terapeutiche eccezionali. E’ ricordato in numerosi documenti del XV e XVI secolo, riguardanti Bolsena e la Val di Lago. La sagra dell’aglio rosso di Proceno istituita all’incirca nel 1980, si tiene nel mese di agosto .
Note: L’aglio rosso di Proceno presenta una conservabilità prolungata, fino all’ottenimento del nuovo prodotto. La diffusione e le caratteristiche qualitative, che rendono peculiare questo prodotto, dipendono dalla tipologia dei terreni situati a 400 – 450 m slm. e dal clima di tipo temperato-sublitoraneo. Il suolo è un substrato del Pliocene, di origine marina, fortemente argilloso.
Ottenuto anche con metodo Biologico: NO

Informazioni aggiuntive

Regione

Sezione

Tipologia di prodotto