Aceto balsamico di fico bianco del Cilento

Prodotto Agroalimentare Tradizionale Italiano – P.A.T.  

ELENCO PRODUTTORI

Zona di produzione: Cilento (provincia di Salerno).

Descrizione: l’aceto balsamico di fico bianco del Cilento ha colore bruno intenso, brillante, limpido; odore caratteristico di frutta secca, persistente; sapore agrodolce, caratteristico. Viene commercializzato in ampolle sigillate o bottiglie in vetro.

Descrizione delle metodiche di lavorazione, condizionamento, stagionatura: Il prodotto di partenza è l’aceto proveniente da processi di acetificazione di vino ottenuto da vitigni locali, a bacca bianca o rossa, ottenuti utilizzando innesti autoctoni (la cosiddetta “mamma dell’aceto”); con l’aggiunta di fichi bianchi essiccati e tritati, in infusione. La miscela viene portata a 63° gradi per 48 ore, quindi filtrata ed avviata alla fase di invecchiamento. Questa avviene in botti di legno pregiato, quercia o castagno, posti in particolari locali realizzati tradizionalmente in legno, ampiamente permeabili al vento e quindi con opportuna esposizione, in modo da favorire la progressiva evaporazione del prodotto, che viene a intervalli regolari travasato in recipienti più piccoli, mai completamente pieni.

Osservazioni sulla tradizionalità: L’aceto di fico bianco del Cilento è spesso utilizzato come condimento non soltanto delle insalate ma anche degli arrosti e dei preparati a base di pesce. Le acetaie e soprattutto le botti, nonché i recipienti che contengono la cosiddetta “mamma dell’aceto”, cioè l’innesto per avviare correttamente il processo di acetificazione, vengono tramandati di generazione in generazione.

Regione

Sezione

Tipologia di prodotto

Non ci sono più offerte per questo prodotto!

Domande di carattere generale

Non ci sono ancora richieste.

Translate »