Abbacchio romano

Prodotto Italiano ad Indicazione Geografica Protetta – I.G.P. 

ELENCO PRODUTTORI

Zona di produzione: Intera Regione Lazio

Descrizione sintetica del prodotto: L’ Abbacchio Romano è prodotto esclusivamente da agnelli, maschi o femmine, nati e allevati allo stato semibrado, di razza Sarda e suoi incroci, Comisana e suoi incroci, Sopravissana e suoi incroci, Massese e suoi incroci, Merinizzata Italiana e suoi incroci. La tipologia di proodtto è l’agnello “da latte” (sino a 8 kg di peso morto). Le pecore matricine usufruiscono di pascoli naturali, prati-pascolo ed erbai caratteristici della Regione Lazio. Il pascolo può essere naturale e casuale, ma a volte il pastore può coltivare erbai che fa pascolare a rotazione. La carne di Abbacchio Romano, messa in commercio secondo differenti tagli (intero, mezzena, spalla e coscio, costolette, testa e coratella), presenta colore rosa chiaro e grasso di copertura bianco, tessitura fine, consistenza compatta, leggermente infiltrata di grasso, sapore delicato con aroma tipici di una carne giovane e fresca. Importante è a scarsità di grasso di copertura ed interna.

Storia tradizionale del Prodotto: Abbacchio è il termine romanesco che indica l’agnello giovane, lattante, macellato per la vendita, che conserva, nella storia della cucina romana e laziale un ruolo fondamentale. Gli antichi romani preferivano il capretto all’agnello anche se per Giovenale il giovanissimo agnello (abbacchio) era: “il più tenero del gregge, vergine d’erba, più di latte ripieno che di sangue”. Campo Vaccino, sede del mercato del bestiame, è il luogo in cui, già dal ‘400, si teneva il mercato degli abbacchi, degli agnelli, dei castrati e delle pecore. Il consumo era considerevole nel corso della cosiddetta “agnellatura” (macellazione dei capi da uno a sei mesi di età) che si teneva nel periodo compreso tra Pasqua e Giugno. Nell’agro romano in occasione dell’abbacchiatura e della carosa (tosatura) i pastori usavano banchettare con la “pagliatella”, cioè la carne più grassa dell’ intestino dell’abbacchio cotta alla brace, e la pezzata o sponsata, ossia carne di pecora tagliata a pezzi.

Ottenuto anche con metodo Biologico: No

Fonte: ARSIAL – http://www.arsial.it/portalearsial/prd_tipici/default.asp

Regione

Sezione

Tipologia di prodotto

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

    Non ci sono più offerte per questo prodotto!

    Domande di carattere generale

    Non ci sono ancora richieste.

    Translate »