Scheda ministeriale prodotto:

Olio extravergine di oliva Ortice di Pontelandolfo

Prodotto Agroalimentare Tradizionale Italiano (P.A.T.)

Zona di produzione: Alto Tammaro, territori di Pontelandolfo/Casalduni/San Lupo, in provincia di Benevento.

 

Sei un appassionato di enogastronomia?
Scopri i prodotti disponibili su TopFoodItaly!

Sei un operatore business o del canale HORECA?
Scrivici compilando questo form per avere informazioni dettagliate e una quotazione personalizzata.

Descrizione: albero con vigoria media, portamento assurgente e chioma molto espansa e folta.

Le drupe sono di forma ellissoidale con pezzatura grande, massimo diametro centrale, apice da subconico ad appuntito. Base da leggermente rastremata a leggermente appuntita, epicarpo poco pruinoso con lenticelle medie e numerose.

Il colore al momento della raccolta si presenta da invaiato a rosso vinoso, l’invaiatura è tardiva e parte dall’apice e graduale.

Le dimensioni della drupa variano da 26,44-1,85 mm come diametro polare mentre quello trasversale è di 17,39-1,08.

Descrizione delle metodiche di lavorazione, condizionamento, stagionatura: Le lavorazioni più importanti correlate alla coltivazione degli oliveti di ortice  sono:

1.Potatura: svolte a partire dal mese di febbraio nelle zone più basse di Pontelandolfo fino al mese di aprile allo scopo di equilibrare il rapporto tra apparato vegetativo e riproduttivo. Adattare la pianta alle condizioni di illuminazione, offrire adeguata areazione della chioma, facilitare le operazioni colturali, ridurre i coti della manodopera, rispettare determinati canoni estetici.

2.gestione del suolo e fertilizzanti: la gestione varia in base alle aziende, infatti buona parte di esse esercita l’inerbimento naturale con una trinciatura dell’erba almeno 2-3volte l’anno. In altri casi vengono effettuate delle lavorazioni superficiali del terreno con l’aiuto di frese almeno 2 volte all’anno.

La concimazione viene effettuata subito dopo la fine dell’inverno, nei mesi di marzo e aprile.

La raccolta delle olive avviene a mano con l’ausilio di pettini manuali, attrezzature agevolatrici quali abbacchia tori, sferza tori, brucatori, ganci scuotitori e reti stese sotto le piante.

Le olive raccolte vengono successivamente trasportate al frantoio per essere demolite con impianti a ciclo continuo

Osservazioni sulla tradizionalità: La coltivazione della cultivar ORTICE ha radici antichissime, molto diffusa sul territorio, fino ad altitudini di 700-800 mt e molto produttiva per le caratteristiche del terreno ed il clima tipici dei territori di media-alta collina. Ottima resa pari a circa 18-20%.Viene utilizzata principalmente per la produzione di un eccellente olio extra vergine ma anche gustosamente apprezzata in salamoia o essicata al sole.

Regione

Sezione

Tipologia di prodotto

Carrello
Translate »