Scheda ministeriale prodotto:

Micischia

Prodotto Agroalimentare Tradizionale Italiano – P.A.T.  

ELENCO PRODUTTORI

Zona di produzione: aree montane abruzzesi

Sei un appassionato di enogastronomia?
Scopri i prodotti disponibili su TopFoodItaly!

Sei un operatore business o del canale HORECA?
Scrivici compilando questo form per avere informazioni dettagliate e una quotazione personalizzata.

La micischia è un prodotto strettamente legato all’attività della pastorizia transumante e conosciuto, con diversi nomi, negli areali montuosi abruzzesi. Attualmente la sua produzione è circoscritta a qualche paese di montagna e a occasioni particolari che mantengono viva questa antica tradizione. La micischia viene di solito prodotta con carne di pecora (occasionalmente di capra), non giovane e non troppo grassa, che viene disossata, salata, pepata ed essiccata naturalmente all’aria. Questa carne, dall’aspetto compatto, consistente e dal colore bruno, ha un sapore deciso e sapido piuttosto forte, forse non adatto a tutti i palati, ma vanta buone caratteristiche nutrizionali date dall’elevato contenuto proteico e dalla bassa quantità di grassi. Durante la preparazione l’animale viene privato di tutte le sue parti interne e disossato intero. La carne più adatta alla produzione della micischia è quella dalla spalla in giù, che va mantenuta in un unico pezzo, distesa su di un tavolo e aperta in modo da garantire uno spessore uniforme e non molto alto, tale da favorire la penetrazione del sale e delle altre spezie (pepe, peperoncino e rosmarino); infine viene steccata con rametti di salice o di canna e appesa in locali adeguatamente aerati per l’essiccazione. Una volta essiccata può essere conservata in cantine o locali asciutti. Anche la micischia, come altre lavorazioni di carne che non ne prevedono la cottura, ma l’essiccazione naturale, è nata con la transumanza armentizia dell’Abruzzo montano, e con essa si è diffusa lungo la via dei tratturi che per secoli hanno legato l’Abruzzo con la Puglia. Purtroppo negli anni Sessanta, con il venire meno della pastorizia transumante, la produzione e il consumo di questa carne hanno subito un notevole declino.

METODICHE DI LAVORAZIONE E CONSERVAZIONE
Materiali e attrezzature: non sono necessarie attrezzature o materiali specifici; è sufficiente un locale idoneo allo spolpo e alla preparazione, con piano di lavorazione facilmente lavabile.
Locali di lavorazione, conservazione e stagionatura: non sono necessari locali con specifiche caratteristiche; è sufficiente per la preparazione una cucina famigliare o un locale polifunzionale.
ELEMENTI DELLA TRADIZIONALITÀ
Testimonianze letterarie sull’epoca e sulla metodica di produzione sono rinvenibili in La pastorizia Abruzzese di Ettore D’Orazio o da Angiola De Matteis in Terra di mandre e di ernigranti. L’economia dell’Aquilano nell’Ottocento.

Regione

Sezione

Tipologia di prodotto

Carrello
Translate »