Skip to content

Scheda ministeriale prodotto:

Caramelle classiche dure

Prodotto Agroalimentare Tradizionale Italiano – P.A.T. 

ELENCO PRODUTTORI

Zona di produzione: Tutto il piemonte

Sei un appassionato di enogastronomia?
Scopri i prodotti disponibili su TopFoodItaly!

Sei un operatore business o del canale HORECA?
Scrivici compilando questo form per avere informazioni dettagliate e una quotazione personalizzata.

Le Caramelle classiche sono caramelle dure in gusti assortiti.
Tra le materie prime, oltre allo zucchero ed allo sciroppo di glucosio (aggiunto per impedire la cristallizzazione), sono incluse le paste di frutta nelle varietà ananas, arancia, ciliegia, limone, pera, mela renetta, fragola e mirtillo e gli estratti di anice e menta.

Metodo di preparazione: La caratteristica di questa caramella è la lavorazione di paste di frutta e di estratti naturali preparati in azienda, con pasta di mandorle.
Nelle vecchie lavorazioni l’impasto ancora bollente era posto in un piccolo cucchiaio di rame avente becco molto lungo, col quale veniva versato goccia a goccia sopra una tavola di marmo: si formavano pastiglie di forma rotonda. Lo zucchero raffreddandosi diveniva trasparente e durissimo.
Attualmente, l’impasto liquido è colato in stampi che permettono di ottenere caramelle con forma assolutamente standardizzata.
Gli incarti delle Caramelle Classiche Dure sono, generalmente, composti da un foglio interno di carta paraffinata e da uno esterno di carta stampata che assume la forma di “farfalla”. L’incarto è, inoltre, impreziosito da un filo d’oro ed assume una colorazione diversa a seconda dei gusti.

Storia: Una prima sorta di caramella (bastoncini di zucchero di canna) fu importata dalla Siria da Goffredo di Buglione, (1097-1099), ma la sua vera origine è ascrivibile alla diffusione dello zucchero ottenuto dalla lavorazione industriale della barbabietola e, conseguentemente, alla scoperta ed alla produzione di confetti, di tondini di zucchero aromatizzati e delle pasticche di orzo. Le prime “caramelle” furono confezionate da un confettiere piemontesi con “sucher d’ördi” (zucchero d’orzo). I prodotti della confetteria erano, un tempo, consumati solo dai componenti di case reali e da nobili famiglie aristocratiche. La commercializzazione di questi prodotti incominciò solo nella seconda metà dell’800. Periodo in cui si pensò di “vestire” le caramelle sia per proteggerle sia per abbellirle. Le Caramelle Classiche Dure conquistarono tutti i mercati e poterono fregiarsi, essendo consumate dalla Casa Reale, di stemmi, medaglie e nodi di Savoia, simboli grafici di un successo tradizionale.

Fonte: http://www.piemonteagri.it/qualita/it/

Regione

Sezione

Tipologia di prodotto

Shopping cart

Translate »