Skip to content

Scheda ministeriale prodotto:

Asparago verde di Canino e Montalto di Castro

Prodotto Agroalimentare Tradizionale Italiano – P.A.T.  

ELENCO PRODUTTORI

Zona di produzione: Canino (VT), Montalto di Castro (VT), Tarquinia (VT)

Sei un appassionato di enogastronomia?
Scopri i prodotti disponibili su TopFoodItaly!

Sei un operatore business o del canale HORECA?
Scrivici compilando questo form per avere informazioni dettagliate e una quotazione personalizzata.

Tipologia produzione: Attiva
Periodo di produzione: Il trapianto avviene alla fine del mese di marzo fino al mese di giugno. La raccolta avviene in due momenti successivi: gennaio/giugno e settembre/ottobre.
Mercato di riferimento: Da locale a nazionale.
Descrizione del prodotto: Asparagus officinalis L., appartenente alla famiglie delle Liliaceae; tipologia verde. Le varietà impiegate sono: Atlas, Grande, UC157, quest’ultima considerata la più “antica”. Si presenta come un turione di medie/grandi dimensioni, a portamento eretto, con apice sempre stretto e chiuso. Il colore è uniforme su tutto il gambo con sfumature violacee soprattutto all’apice. L’asparago verde presenta buone qualità organolettiche e nutrizionali dato il tenore in carboidrati, circa 3,2%, proteine, 3%, è ricco in vitamine A, B1, B2 e C, calcio, fosforo e ferro. L’apporto energetico: 34 K cal/100g (fonte: opuscolo informativo fornito dalla Coop COPA). Il Prodotto è per la maggior parte destinato al consumo fresco e solo 200-300 qli come prodotto trasformato. La coltivazione dell’asparago verde di Canino e Montalto di Castro avviene su terreni di medio impasto di tipo calcareo e di origine vulcanica, privilegiando un ambiente caratterizzato da un clima mite e temperato: in inverno la temperatura risulta essere inferiore allo 0°C, solo in alcuni giorni, mentre, in estate le temperature sono oscillanti dai 25°C ai 32°C. Il terreno viene preparato effettuando una apertura dei solchi di 50-70 cm di profondità su cui vengono trapiantati i turioni. Trattandosi di una coltura poliennale con durata di 8-10 anni, ogni anno vengono trapiantate le piantine intere o le “zampe” (piantine di 1 anno circa). Nel caso delle “zampe” i solchi vengono ricoperti con la terra; mentre con il trapianto delle piantine il solco rimane aperto e chiuso man mano che la pianta cresce. L’epoca del trapianto va da fine marzo a giugno. I sesti d’impianto prevedono una distanza fra i turioni di 1,5 metri circa. L’irrigazione viene effettuata per aspersione o a goccia. Particolare riferimento va fatto alla Tecnica della geotermia, praticata nel territorio di Canino, nell’ambito della quale, negli appezzamenti in coltura protetta, le radici vengono riscaldate attraverso manichette interrate in cui passa acqua calda proveniente da falde affioranti nella Piana del Paglieto. Nel periodo invernale la parte edule viene protetta in tunnel di polietilene. In questo modo si mantiene un microclima caldo, ideale per l’asparago. Con la tecnica della geotermia la raccolta dell’asparago può avvenire anche nei mesi invernali, gennaio/febbraio. La raccolta avviene fra gennaio/giugno e settembre/ottobre; generalmente avviene a mano con l’ausilio di un coltello provvisto di lama/paletta terminale. In questo modo si raccoglie il turione leggermente sotto la radice.
Elementi di tradizionalita’ del processo produttivo: Nel territorio del comune di Canino viene praticato un sistema di coltivazione particolare che prevede l’applicazione della tecnica della Geotermia, ossia riscaldamento delle radici mediante manichette interrate in cui acqua calda. Presenta inoltre una considerevole precocità della maturazione rispetto ad asparagi coltivati in altre zone.
Materiali utilizzati nella tradizione locale: Per la produzione dell’asparago sono previsti i seguenti attrezzi: vari attrezzi agricoli per la lavorazione del terreno e soprattutto per la formazione dei solchi; coltello con lama terminale a paletta impiegato per la raccolta del turione; tunnel di polietilene con cui ricoprire e proteggere la parte edule nel periodo invernale e cassette di plastica su cui vengono disposti gli asparagi appena raccolti e per l¿incassettamento in magazzino prima della vendita.
Locali utilizzati nella tradizione locale: I locali per la lavorazione del prodotto sono le strutture delle cooperative dove i produttori conferiscono il prodotto che viene incassettamento e stoccato.
Storia tradizionale del Prodotto: L’introduzione della coltivazione dell’asparago verde si deve all’insediamento, fra il 1975 e 1980, di una nota industria agroalimentare, la Findus, che proprio nel comprensorio di Canino e Montalto di Castro cominciò a sperimentarne la coltivazione con l’intento di creare un prodotto destinato alla conservazione per surgelazione. Gli ottimi risultati dovuti anche alle condizioni pedoclimatiche piuttosto favorevoli ed alla tecnica di coltivazione per geotermia, indussero gli agricoltori locali a continuare la coltivazione degli asparagi. Furono comunque sostituite le varietà iniziali con varietà maggiormente rispondenti al consumo fresco. La tradizionalità del prodotto, oltre che dalle testimonianze orali raccolte, è documentata dalle fatture e bolle di accompagnamento archiviate presso le cooperative in cui gli agricoltori conferiscono da anni il loro prodotto.
Ottenuto anche con metodo Biologico: NO
Regione

Sezione

Tipologia di prodotto

Shopping cart

Translate »